Questo sito utilizza cookie per fini statistici Se non modifichi le impostazioni del browser, accetterai l'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'
Approvo
Novitą per gli installatori in ambito fgas: il DPR 146-2018 | Fgas | Studio Ferroli Associati s.a.s. di Ferroli Livio & C.

Studio Ferroli Associati


Quick Navigation

Torna all'inizio


Menu di navigazione

Torna all'inizio


Torna all'inizio


Fgas

In attuazione al regolamento UE n. 517/2014 il 24 gennaio 2019 è entrato in vigore il DPR 146/2018 che abroga il DPR 43/2012.

Con l’entrata in vigore del nuovo decreto, i certificati rilasciati alle persone fisiche ed alle imprese ai sensi del regolamento (CE) n. 303/2008 per svolgere le attività di installazione, manutenzione e riparazione delle apparecchiature fisse contenenti f-gas, restano validi sino alla scadenza originariamente disposta e si intendono conformi al regolamento (UE) n. 2015/2067 esclusivamente per le apparecchiature fisse comprendenti:

a) apparecchiature fisse di refrigerazione;

b) apparecchiature fisse di condizionamento d’aria;

c) pompe di calore fisse.

Le persone fisiche e le imprese che, alla data di entrata in vigore del decreto 146/2018, risultano già iscritte al Registro telematico nazionale ma non ancora certificate, devono conseguire i pertinenti certificati o attestati entro il termine massimo di 8 mesi dalla data di entrata in vigore del decreto (ovvero entro il 24 settembre 2019) pena la cancellazione dal Registro.

Di seguito le principali novità riguardanti la categoria installatori di suddette apparecchiature.

  • Sarà disponibile a breve una certificazione integrativa per:
    • Attività di installazione, riparazione e smantellamento di celle frigorifere di autocarri e rimorchi frigoriferi
    • Smantellamento di impianti di refrigerazione, condizionamento e pompe di calore
    • Smantellamento di impianti di protezione antincendio contenenti fgas
    • Installazione, riparazione e manutenzione di commutatori elettrici contenenti fgas
  • Sarà a breve istituita una Banca dati per migliorare la tracciabilità dei gas e impianti che li contengono; essa sarà gestita dalle Camere di commercio competenti. Le imprese dovranno comunicare le seguenti informazioni a partire dalla data:
    • 24 Luglio 2019: Comunicazione delle apparecchiature non ermeticamente sigillate contenenti fgas vendute all’utilizzatore finale. In particolare si dovrà indicare la tipologia, numero e data fattura di vendita, anagrafica dell’acquirente e dichiarazione di installazione dell’apparecchio.
    • 24 Settembre 2019: Comunicazione delle apparecchiature installate (entro 30 gg). In particolare si dovrà indicare il numero e la data di fattura di acquisto dell’apparecchiatura, l’anagrafica dell’operatore, data e luogo di installazione, tipologia di apparecchio, codice univoco dell’apparecchio, quantità di fgas presente o aggiunto, informazioni relative a fgas riciclato o rigenerato presente e i dati della persona o impresa certificata che ha effettuato l’installazione.
    • 24 Settembre 2019: Comunicazione di controlli perdite, manutenzioni, riparazioni, aggiunte e recuperi di fgas dalle apparecchiature (entro 30 gg). In particolare si dovrà indicare la tipologia di intervento, data e luogo di intervento, anagrafica dell’operatore, tipologia di apparecchio, codice univoco apparecchio, quantità di fgas presente o aggiunto o recuperato, informazioni relative a fgas riciclato o rigenerato presente e dati della persona o impresa certificata che ha effettuato l’intervento.
    • 24 Settembre 2019: Comunicazione dei smantellamenti di apparecchiature fgas (entro 30 gg). In particolare si dovrà indicare data e luogo del smantellamento, anagrafica dell’operatore, tipologia di apparecchio, codice univoco dell’apparecchio, quantità di fgas recuperato e relative misure adottate e i dati della persona o impresa certificata che ha effettuato l’intervento.

A partire dal 24 Settembre 2019 pertanto verranno eliminati gli obblighi di

-          compilazione del “Registro dell’ Apparecchiatura Fgas” (vanno comunque conservati per almeno 5 anni quelli già realizzati).

-          comunicazione annuale con scadenza 31 Maggio al portale SINANET dell’ISPRA per la dichiarazione delle movimentazioni di fgas in quanto il tutto dovrà avvenire nella nuova banca dati;

in quanto sostituiti dalla nuova Banca Dati.

Si attende infine un decreto che definisca le sanzioni per chi non adempie a quanto prescritto dal nuovo decreto in vigore.

 DPR 146/2018  



Torna all'inizio



Footer

Torna all'inizio